Organizzazione scolastica

O R G A N I Z Z A Z I O N E   S C O L A S T I C A

1.Scuola dell’infanzia

Nella nostra Istituzione ci sono generalmente plessi di scuola dell’infanzia con due sezioni e altri con un’unica sezione; le classi accolgono bambini delle tre fasce di età.

Organizzazione oraria

La scuola è aperta con orari diversi a seconda delle necessità e dei bisogni che caratterizzano i plessi dei diversi Comuni. Per favorire la socializzazione e le pari opportunità, i plessi con pochi bambini si aggregano ad altri plessi con il progetto “Girotondo” con incontri settimanali o mensili.

Considerata l’importanza della compresenza e con l’obiettivo di armonizzare l’organizzazione dei tre ordini di scuola, dall'anno scolastico 2001/02 si adotta in tutte le scuole dell’infanzia il seguente orario settimanale:

  • lunedì, martedì, giovedì e venerdì intera giornata dalle 8.00 alle 17.00 per i plessi di Arvier, Cogne, Introd, Villeneuve; dalle 8.30 alle 16.30 per il plesso di Rhêmes-St-Georges; Valsavarenche dalle 8.15 alle 16.30. Il venerdì i bambini del plesso di Valsavarenche sono a Rhêmes-St-Georges con l’orario dalle 8.15 alle 16.20 (progetto Girotondo). I bambini di Valgrisenche sono ospitati nel plesso di Arvier sempre di venerdì dalle 8.15 alle 16.30 (progetto Girotondo);

 

  • per il plesso di Valgrisenche lunedì e giovedì dalle 8.15 alle 12.00 e dalle 14.00 alle 16.30; il martedì, alternativamente, dalle 8.15 alle 12.00 e dalle 14.00 alle 16.30 o dalle 8.15 alle 9.00 e dalle 14.00 alle 16.30; il mercoledì dalle 8.15 alle 12.00 e il venerdì dalle 7.45 alle 15.15;

 

  • mercoledì  mercoledì mezza giornata dalle 8.00 alle 12.00 per il plesso di Introd; dalle 8.00 alle 12.30 per i plessi di Cogne, Villeneuve; dalle 8.30 alle 12.00 per il plesso di Rhêmes-St-Georges; dalle 8.00 alle 14.00 per il plesso di Arvier; il plesso di Valsavarenche dalle 8.15 alle 12.15.

Per i bambini iscritti al primo anno e per quelli che compiono i 3 anni entro il 31 gennaio è consigliata la frequenza per il solo turno antimeridiano per favorire un inserimento graduale. Inoltre, per questi alunni, si propone un ingresso scaglionato nella prima settimana di scuola, secondo un calendario fatto pervenire tempestivamente alle famiglie ed esposto all'albo della scuola, fatte salve le esigenze delle famiglie.

 

L’organizzazione oraria degli insegnanti prevede dei momenti di compresenza per:

−consentire la differenziazione delle attività didattiche e favorire attività di intersezione (gruppi omogenei per età, atelier, ecc.);

−garantire maggiore vigilanza e cura nelle uscite didattiche, assicurando la presenza di almeno due insegnanti accompagnatori, con un rapporto massimo diinsegnanti/alunni di 1 a 15 nel territorio comunale, di 1 a 12 per uscite al di fuori del territorio comunale.

−effettuare progetti individualizzati;

−facilitare l’inserimento dei nuovi iscritti attivando adeguate forme di accoglienza;

−promuovere progetti di continuità educativa con la scuola primaria, l’asilo nido e la garderie;

−organizzare momenti di osservazione.

Nell'arco della giornata si svolgono attività di sezione, di intersezione e di gruppi omogenei per età, tenendo conto:

−della programmazione di plesso;

−dell’età e delle esigenze dei bambini;

−degli spazi e delle risorse a disposizione.

In tutte le scuole dell’infanzia dell’Istituzione, per l’ultima settimana di giugno, in relazione al limitato numero di alunni presenti al pomeriggio negli ultimi giorni di scuola, si prevede l’apertura per il solo turno antimeridiano dalle 8.00 alle 14.00, con la totale compresenza delle insegnanti del plesso e, nei plessi unici, la presenza dell’insegnante durante la refezione, per permettere attività ludiche e/o uscite sul territorio.

 

2.Scuola primaria

Al fine di assicurare agli alunni dell’Istituzione una pluralità di insegnanti, senza con questo sottoporli ad un eccesso di figure di riferimento, nell'organizzare le attività didattiche di ciascuna scuola si tende a costituire gruppi di insegnanti ridotti nel numero (massimo 3/4 insegnanti) e a valorizzare le competenze più spiccate di ciascuno. In ogni scuola si progetta, fin dalla fine dell’anno scolastico precedente, la migliore organizzazione possibile che coniughi competenze degli insegnanti ed esigenze delle singole classi.

Organizzazione oraria

Le lezioni si svolgono dal lunedì al venerdì (dalle ore 8.00/8.15/8.30 alle ore 12.00/12.15/12.30; dalle ore 14.00 alle 16.30), ad eccezione del mercoledì pomeriggio per un totale di trenta ore settimanali. La compresenza degli insegnanti viene utilizzata in funzione delle esigenze dei plessi per:

−copertura delle classi in caso di insegnanti assenti fino a un massimo di tre giorni

−attività di recupero per piccoli gruppi o individuali;

−interventi in classe gestiti da due insegnanti;

−interventi gestiti da insegnanti in altre classi (un insegnante che interviene per un’attività specifica in un’altra classe);

−suddivisione degli alunni in gruppi per attività specifiche o di laboratorio;

−svolgimento di discipline diverse in situazione di pluriclasse unica;

−attività alternative all'insegnamento della religione cattolica.

Nelle scuole sede di pluriclasse unica (Valgrisenche, Valsavarenche, Rhêmes-Saint-Georges e Avise-Runaz) la pluralità docente è garantita dal progetto Pluriclassi uniche (Vedi Progetto Pluriclassi).

 

3.Scuola secondaria di I grado

Organizzazione oraria

La scuola secondaria di I grado offre corsi a tempo normale dal lunedì al sabato con orario 08.00 – 13.20 e il tempo prolungato con un rientro dalle 14.20 alle 17.00. L’orario settimanale di lezione prevede 36 moduli di 50 minuti, per il tempo prolungato invece 39 moduli sempre di 50 minuti.

Le modalità di lavoro prevedono:

−attività curricolari (svolgimento dei diversi curricoli);

−attività di compresenza finalizzata a:

a)attività di progetto (a livello disciplinare e/o pluridisciplinare) finalizzate allo svolgimento di attività di diverso tipo, secondo il principio dell'alternanza delle lingue (in applicazione degli articoli 39-40 dello Statuto Regionale).

b)recupero (colmare la presenza di lacune negli alunni offrendo attività didattiche e formative aperte a tutta la classe, ad un piccolo gruppo o a interventi individualizzati a seconda delle necessità);

c)potenziamento (approfondire e sviluppare nuove conoscenze e abilità).

Tempo prolungato

Le classi sperimentali a tempo prolungato prevedono un rientro pomeridiano il martedì, di tre moduli di 50 minuti dalle 14,20 alle 17,00.

Le attività proposte sono di tipo operativo/sperimentale, con particolare riferimento allo sviluppo delle competenze scientifico/ambientali, linguistiche e multimediali e sono gestite da due insegnanti in compresenza. Gli alunni possono in tale giornata avvalersi del servizio mensa e dei mezzi di trasporto.

Nell'anno in corso sono attivi laboratori linguistici e scientifico/informatici; tra le attività proposte:

- approfondimento di tematiche affrontate nelle lezioni curricolari,

- laboratorio di biologia,

- laboratorio di informatica con attività di ricerca e videoscrittura, visione e analisi di filmati scientifico-naturalistici.

Questo sito potrebbe utilizzare cookies. Se non si modificano le impostazioni del browser, implicitamente, si accettano i cookies.